“Rizz”, lo slang della Generazione Z, è la parola dell’anno

“Rizz” è la parola dell’anno secondo l’Oxford University Press

Rizz” è stata nominata parola dell’anno dalla Oxford University Press (OUP), editore dell’Oxford English Dictionary. La parola ha battuto altre contendenti come “Swiftie” (fan entusiasta di Taylor Swift), “situationship” (una relazione informale) e “prompt” (un’istruzione che viene data a un programma di intelligenza artificiale).

“Rizz è stata scelta dai linguisti della Oxford University Press come esempio di come la lingua “può essere formata, plasmata e condivisa all’interno della comunità, prima di essere diffusa più ampiamente“.

 

Cosa significa “Rizz

Si tratta di uno slang molto in voga tra la Generazione Z che indica “stile, fascino o attrattiva” o, in più in generale, “la capacità di attrarre un partner “.  La parola può essere utilizzata anche come verbo – “to rizz up” – sinonimo di attrarre, sedurre o saper suscitare interesse. Insomma, se sei particolarmente bravo a chiacchierare con le persone o se chi ti ascolta ti guarda con un certo interesse, allora sei ”Rizz”.

 

Dopo l’intervista a Tom Holland, ”Rizz” diventa trend topic sui social

Secondo la stampa accademica, la parola è stata registrata per la prima volta nel 2022 ed è diventata trend topic nel mese di giugno dopo un’intervista all’attore Tom Holland (Spider-Man). In un’intervista Holland, a cui gli veniva chiesto quale fosse il suo “rizz”, ha dichiarato: “Non ho alcun rizz. Ho un rizz limitato”. Da quel momento in poi, grazie ai numerosi meme circolati sulla rete l’uso della parola è esploso. Oggi, la parola è usata ovunque sui social, l’hashtag “rizz” ha miliardi di visualizzazioni sulla piattaforma di TikTok.

L’editore dell’Oxford English Dictionary ha precisato che l’esplosione sui social media della parola dimostra come Internet possa spingere il linguaggio slang nel mainstream. Grazie a Internet il linguaggio si aggiorna continuamente con una velocità impressionante. Fino a pochi anni fa, una nuova espressione linguistica richiedeva il passare di anni prima di essere comunemente usata, ora si impone in pochi mesi. Fenomeni come questo sono indicativi dell’attivismo che la GenZ inizia ad avere all’interno della società, e il linguaggio ne è una manifestazione.

 

Come è avvenuta la selezione

Alla selezione hanno partecipato più di 30.000 amanti delle parole, che hanno contribuito a decidere il testa a testa tra coppie di parole o frasi. Il presidente di Oxford Languages, Casper Grathwohl, ha detto che assistere a migliaia di persone che discutono di lingua “evidenzia davvero il potere che ha nell’aiutarci a capire chi siamo e a elaborare ciò che sta accadendo nel mondo intorno a noi“. Indicativo il fatto che la vincitrice del 2021 è stata la parola “vax“, in relazione alla vaccinazione contro il Covid-19.